• Attingere la ZPE da matrici a micro e nano struttura  (M.V., 2011) Stimolazione del reticolo e dello pseudo-reticolo tramite interazione fra le forze note, per produrre cariche elettriche e fotoni

Abstract:
È da anni nota la possibilità di stimolare in vari modi – magnetici, elettrici, elettromagnetici, acustici e meccanici – l'emissione di energia di punto zero (ZPE) da materiali a nano reticolo regolare (cristalli naturali e artificiali), come anche da materiali naturali e artificiali a pseudo-reticolo con modulo medio (m) a scala nanometrica (0,01μ ≤ m < 1μ) e micrometrica (1μ ≤ m < 1000μ). Fra gli pseudo-reticoli artificiali, quelli più noti ai ricercatori sono proba­bil­mente le matrici di polimeri con inclusioni di polveri metalliche e minerali (cioè le cosiddette "orgoniti"). Questo studio esamina vari modi di implementare una stimolazione multipla delle matrici micro e nano, così da potenziarne l'emissione di ZPE, la quale, se oppor­tu­na­mente pilotata, può essere indotta a collassare in elettroni liberi e fotoni.

• Trasferimento informazionale tramite affinità strutturale  (M.V., 2012) Metodi per creare l'entanglement fra macro strutture, per trasferire dati ed effetti quantici

Abstract:
L'entanglement quantistico è il fenomeno che correla lo stato quantico fra sistemi fisici in modo non-locale (cioè indipendentemente dalla loro distanza). La Fisica Quantistica riconosce solo l'entanglement tra particelle, ma la ricerca pratica (K.H.Welz) ha dimostrato che è del tutto possibile crearlo anche fra due o più macro oggetti, rispettando i criteri di identità micro­strut­turale (matrice), identità di informazione (link), e identità di origine. Vengono qui esaminati alcuni metodi pratici per correlare due strutture a matrice con pseudo-reticolo micrometrico. Viene anche sviluppato un elementare modulo di comunicazione non-locale, detto "cella di Marvek", con relativo schema a blocchi per l'eccitazione (trasmissione) e la risonanza quantica (ricezione), in grado di trasmettere e ricevere un bit di informazione su distanze arbitrarie, senza attenuazione, non schermabile e non intercettabile. Tale modulo è combinabile illimitatamente in serie di più moduli per creare ricetrasmettitori di byte e words, atti alla comunicazione bidirezionale in tempo reale su distanze astronomiche.

—————

Marco Vecchi ricerca privatamente da oltre dieci anni nel campo dell'energia primaria, comunque la si voglia definire (zero point energy, scalar waves, torsional field, etere, orgone, od, bioplasma, prana, chi, ki, vril, ecc.), con l'obiettivo della individuazione di metodi per la sua misurabilità con strumentazione elettronica, e della sua rilevazione ottica/fotografica.

—————

* * *

Questa pagina è protetta da copyright,
e viene regolarmente monitorata tramite il servizio Copyscape.

NE È ESPRESSAMENTE VIETATA LA RIPRODUZIONE IN OGNI FORMA E CON OGNI MEZZO, IN TUTTO O IN PARTE, ANCHE SU SITI WEB (COMPRESI FORUM E BLOG PERSONALI).
GLI ABUSI SARANNO PERSEGUITI D'UFFICIO SECONDO LE NORME VIGENTI.
  È CONSENTITO IL LINK ALLA PAGINA O AL SITO. 


OmPhi Labs di Marco Vecchi - V.le Stefano D'Arrigo 51 - 00131 Roma - P.IVA: 12390651003   REA: 1375462
email: (necessario Javascript) - Tel. 338.4999885 - Fax (+39) 06233219830 / +391786085358
 Questo sito NON utilizza cookies. Per la policy vedere Condizioni e Privacy 
Protected by Copyscape DMCA Copyright Search